Berlusconi: il Premier nei guai per il sesso.

Oramai siamo vicini al collasso, i guai di Berlusconi si stanno moltiplicando, stanno travolgendo tutta la sua coalizione che nel tentativo di proteggerlo (da sè stesso..) fa i salti mortali, con il risultato di creare ancora più problemi.

Il minimo comune denominatore dei guai di Silvio è comunque sempre il solito: il sesso, con giovani donne.

Di per sè, non ci sarebbe forse neanche di che scandalizzarsi, nel privato ognuno è libero di fare quello che vuole.
Il problema di Berlusconi, è che le libertà che si prende nel suo privato, coinvolgono tutti noi.
Per diversi motivi.
Primo fra tutti il fatto che essendo lui Capo del nostro Governo, purtroppo per noi ci rappresenta in giro per il mondo.
E l’immagine che sta dando dell’Italia, non è certo delle migliori, basta dare un’occhiata (se ne si ha il coraggio) alla stampa mondiale: tutti oggi parlano dei nuovi guai legati ai suoi festini.
Altra considerazione che entra in gioco, è l’uso ed abuso delle risorse dello Stato per “attrezzare” tali feste, siano state esse nella sua villa in Sardegna, siano quelle tenute a Palazzo Grazioli, sua residenza romana.

Dall’affare Noemi a quest’ultima inchiesta barese, è stato un “tripudio” di feste, festini e baccanali, il tutto avvenuto sfruttando le risorse che, approfittando della sua carica, utilizza.
Dagli aerei di Stato per “portarsi dietro” gli ospiti (se così li vogliamo chiamare, il menestrello e le ballerine..), ai servizi di Stato che vanno a “controllare e bonificare” il ristorante dove avviene la festa di Noemi, passando per l’ovvio ustilizzo di auto blu per accompagnare le ospiti, per arrivare alle ultime foto in cui si vede una pilotina dei Carabinieri fare la scorta a… a chi ? Alle ragazze che arrivano nella sua villa sarda.
Su questo, vale la pena di spendere una parola in più: se per gli aerei di Stato si è difeso sostenendo che c’era sempre qualcuno autorizzato al volo e che gli altri erano ospiti, in questo caso si vede benissimo che c’erano solo e soltanto le ragazze.
Pertanto, perchè la scorta ?

La difesa di berlusconi è la solita: ce l’hanno tutti con me, perchè sono invidiosi, è un complotto politico.

Difesa molto, molto debole.

Anche perchè è lui stesso con le sue dichiarazioni che si mette nei guai.
Come con l’inizio della storia su Noemi, è stato lui stesso, nella fretta di giustificarsi, a mentire e smentirsi da solo, finendo per dichiarare il falso più volte, falsità che diventa evidente alla prova dei fatti e delle sue stesse dichiarazioni: “l’ho sempre incontrata con i suoi genitori”, e poi vengono fuori le foto che lo smentiscono, e lui cambia versione.
“Suo padre era l’autista di Craxi”, e non è vero per nulla; “l’ho conosciuta anni fa”.. e poi arriva il fidanzato di lei che smonta tutto, “..sono stato invitato all’ultimo momento..:” ed invece i servizi di sicurezza erano già passati settimane prima a controllare il posto e tutti sapevano che sarebbe arrivato… e via di questo passo.

I suoi difensori non riescono a faer niente di meglio che gridare istericamente al complotto, mentre è evidente oramai a tutti che non c’è nessun complotto, c’è solo una patetica figura da anziano affetto da priapismo senile che per colpa della sua arroganza si è messo nei guai da solo.
E continua ad affossarsi sempre più, non spiegando LUI come stiano le cose, fornendo qualche spiegazione, quale esse siano.

Perfino Ghedini, il suo avvocato, non riesce a trovare niente di meglio da dire che: Berlusconi non ha pagato, è solo “l’utilizzatore finale”.

Da uno come lui, ci si aspettava qualcosa di meglio, ma dà anche l’idea delle difficoltà in cui anche un professionista del “Ice-Climbing Estremo” come lui si trova.

Intanto, restano ancora aperte le “famigerate” Dieci Domande di Repubblica, alle quali non ha mai dato una risposta.

Ieri sera ho assistito ad un intervento di Floris, il conduttore di Ballarò, il quale ha detto una cosa semplicissima quanto sacrosanta:

– Se il Premier ha delle spiegazioni da dare, che le dia, così sapremo come stanno le cose. Ma se non lo fa, i giornali sono più che autorizzati a fare domande, e i lettori a pensare che non sappia COME spiegare il tutto.

La stampa… e cosa fa la stampa italiana? Tace, oramai asservita, genuflessa al potere.
L’unico giornale che dal primo momento ha “assediato” Berlusconi è Repubblica, lasciata sola da tutti le altre testate.

Il direttore de “ilGiornale” (di casa Berlusconi), in un editoriale cerca di far passare il tutto come “violazione della vita privata”.
Davvero patetica la difesa di questo “giornalista” (chiedo scusa ai veri giornalisti… ma ha una tessera che lo qualifica come tale..), perchè, ligio al copione definito come UNICA possibilità, dimentica una cosa: la posizione occupata da questo vecchietto con manie di grandezza (e di altezza).

Peccato che proprio lui, il glabro giornalista si era prodigato non tanto tempo fa a fornire un’immagine di Berlusconi “casa e famiglia”, con un’intervista esclusiva al Premier, tutta incentrata sulla sua ritrovata serenità familiare:

– Ci lasci un’ultima domanda più lieve. Le ultime foto l’hanno mostrata in Sardegna e a Portofino con sua moglie Veronica. Noi abbiamo titolato “la bella estate di Silvio”: è tornato il sereno. Come trascorrerà il Ferragosto?
In famiglia appunto. Con la serenità che mi deriva dalla consapevolezza di aver utilizzato al meglio in questi primi cento giorni di governo la responsabilità che mi hanno affidato gli italiani”.
(dall’intervista di Mario Giordano a Silvio Berlusconi, Il Giornale, 15 agosto 2008).

Alla luce dei fatti di oggi, con un divorzio in arrivo, la si potrebbe definire una bella “gufata”.

Ecco, la stampa, i media… sono loro i “manganelli mediatici” di cui parla Giordano ?

Peccato che sia esattamente l’opposto come abbiamo potuto constatare tutti ieri.
Ieri, giornata in cui sono uscite le notizie della nuova inchiesta barese, i principali telegiornali, anche quelli delle reti di Stato, oltre quelli di casa Padronale Mediaset, hanno nascosto la notizia, non ritendo opportuno passarla.

Di questo, se ne sono accorti tutti, “ALL THE WORLD” al punto che oggi i Verdi Olandesi:

Singolare iniziativa del partito olandese dei Verdi, il Groenlinks, che nei prossimi giorni avvierà una procedura di denuncia contro SIlvio Berlusconi perchè impedisce che l’Italia abbia libertà di stampa. Sotto accusa, il controllo esercitato su tutto il sistema televisivo italiano, nella doppia veste di proprietario di Mediaset e di Presidente del Consiglio. Ma anche il fatto che negli ultimi tempi viene impedito a giornali o giornalisti, che sono stati critici nei suoi confronti, di accedere alle conferenze stampa che Berlusconi tiene. “Se procediamo contro Bulgaria e Romania per le loro irregolarità, allora dobbiamo osare fare lo stesso con l’Italia” ha detto la capolista dei Groenliks, Judith Sargentini.
Fonte

Alla fine di tutto questo, il quadro è davvero desolante:

Berlusconi non vuole, non può o non sa spiegare niente, nonostante più volte abbia detto (a parole..) che lo avrebbe fatto, sia parlando con la televisionie Francese, sia con la CNN.
Si era anche spinto a dire che avrebbe riferito in Parlamento… cosa mai avvenuta.

Ecco, questo è il punto: un Presidente del Consiglio imbarazzato dai suoi stessi comportamenti, accerchiato dal mondo intero che chiede spiegazioni, perfino la CEI, la conferenza episcopale, che dice:

ROMA – “Deve rispondere all’opinione pubblica“. Il giornale dei vescovi chiede a Berlusconi parole chiare sulle vicende delle feste con ragazze a pagamento a Palazzo Grazioli. Lo fa con un editoriale firmato da Gianfranco Marcelli, in cui si parla senza mezzi termini di “un clima di smarrimento”.

E poco valgono le difese “in nome della privacy”: un Capo di Governo DEVE essere presentabile, specchiato.
Non è ammissibile che sia anche minimamente sospettato di tutto questo.
Perlomeno è quello che pensano IN TUTTO IL RESTO DEL MONDO.

Tranne che in Italia.

Con quale faccia “ci rappresenterà” al prossimo G8 che si terrà proprio qui da noi, e per di più all’Aquila ?

Basterebbe poco, basterebbe dare qualche spiegazione.
La domanda è semplice: perchè non lo fa ?
La risposta altrettanto semplice è: perchè non può farlo senza confermare.

Tana per Silvio.


Discussione nel Forum

By | 2017-02-23T09:39:24+00:00 June 19th, 2009|Cultura e Società|1 Comment

About the Author:

One Comment

  1. upnews.it 20/06/2009 at 8:13

    Berlusconi: il Premier nei guai per il sesso…

    Oramai siamo vicini al collasso, i guai di Berlusconi si stanno moltiplicando, stanno travolgendo tutta la sua coalizione che nel tentativo di proteggerlo (da sè stesso..) fa i salti mortali, con il risultato di creare ancora più problemi.

    Il minimo…

Leave A Comment