Da Corriere.it

SB – «Eccellenza, lei che può, faccia di tutto e interceda perché anche noi divorziati possiamo avere l’ eucarestia. Ma quand’ è che cambiate questa regola?».
Vescovo – «Il potere lo ha lei – ha subito replicato levando gli occhi al cielo – si rivolga a chi è più in alto di me». Più tardi, quando il premier era già ritornato a Villa Certosa, il vescovo ha ricordato: «Il matrimonio è indissolubile. L’ uomo non può separare ciò che Dio ha unito».

In serata replica a distanza di Joseph Ratzinger (il Papa).
“Solo i “puri”, coloro che non sono macchiati dal “peccato” possono ricevere l’ostia consacrata: gli altri troveranno comunque “nel desiderio di comunione e nella partecipazione all’Eucaristia una forza e una efficacia salvatrice””.

Che si ritenesse unto dal Signore, vabbé lo possiamo anche passare, ma che adesso pretenda anche di sostituirsi al Papa…